Home / Riscaldamento / Riscaldamento elettrico / Riscaldamento a infrarossi / Infografica sul riscaldamento a infrarossi / Criteri per la scelta e la selezione di un radiatore radiante ad alte prestazioni (español – english – français)

Criteri preferenziali per scegliere un radiatore elettrico radiante efficiente

Condividi

Quando si tratta di scegliere un radiatore elettrico, la scelta non manca. I principali tipi di radiatori elettrici sono: convettoriventilconvettori (aria soffiata combinata con una pompa di calore), radiatori ad accumulo (anche ad inerzia), … i radiatori radianti. Per confrontare questi tipi di radiatori, leggete il nostro studio sui migliori radiatori elettrici.

L’articolo che segue spiega come funzionano i radiatori radianti e i loro principali vantaggi.

Contenuto:

  • Che cos’è un radiatore radiante?
  • Principio del riscaldamento a radiatori elettrici radianti?
  • Ci sono tanti buoni motivi per vietare i convettori elettrici?
  • Perché il riscaldamento a radiatori radianti è la forma più economica e confortevole di riscaldamento elettrico?
  • Criteri per la scelta di un radiatore radiante efficiente

Che cos’è un radiatore radiante? Di quale categoria di radiatori stiamo parlando?

Prima di entrare nei dettagli del funzionamento, ecco una panoramica delle diverse terminologie dei dispositivi  del riscaldamento elettrico che si basano sullo stesso principio di riscaldamento (radiazione infrarossa). Le applicazioni mirate e le prestazioni dei dispositivi permettono di distinguerli.

  • Radiatore radiante
  • Radiatore o pannello radiante
  • Radiatore a infrarossi
  • Pavimento o muro radiante elettrico
  • Radiatore a inerzia
  • Zoccolo radiante

Non rientrano in questa categoria i convettori elettrici, i convettori a ventola che riscaldano l’aria per convezione (l’opposto dell’irraggiamento).

Il radiatore radiante

Questo si riferisce ai radiatori per il riscaldamento degli interni delle abitazioni e non ai radiatori radianti a infrarossi per gli esterni coperti (terrazze, cortili, luoghi di culto, ecc.). Il radiatore radiante rappresenta la seconda generazione di convettori. In linea di principio, funzionano come un mix tra un convettore e un pannello radiante. Spesso si riconoscono per la griglia forata sulla parte anteriore. Questo elemento di design (griglia) blocca automaticamente le prestazioni del radiatore. Questo perché la radiazione non può diffondersi nell’ambiente in quanto bloccata dalla griglia (anche se perforata). Non possono essere considerati «veri radiatori radianti». Producono calore principalmente per convezione (come i convettori puri) perché l’aria si riscalda a contatto con l’elemento riscaldante. La quantità di radiazioni è minima. Presenta gli stessi svantaggi dei convettori (consumo, disagio, inquinamento dell’aria, ecc.).

Radiatore elettrico radiante con griglia perforata

Radiatore elettrico radiante con griglia perforata

panneau rayonnant

Radiatore elettrico di tipo pannelli radianti classici

Il pannello radiante

Parliamo della versione migliorata dei radiatori radianti. Hanno un frontale in vetro, metallo o lega (alluminio, ecc.). Le resistenze posizionate sul retro (o incorporate nel materiale) riscaldano la parte anteriore del radiatore. Quando la facciata si scalda, emette radiazioni (più o meno intense) nell’ambiente. Le prestazioni dipendono dai materiali utilizzati e dal design del dispositivo. A seconda del livello di radiazione, il raggio d’azione può arrivare fino a 1 o 2 metri. Le prestazioni sono quindi limitate, anche se il consumo di energia è piuttosto elevato.

Il radiatore ad inerzia

Il radiatore elettrico a inerzia secca (elemento riscaldante in pietra o ceramica) è spesso preferito perché continua a diffondere il calore accumulato anche quando il radiatore è spento (elettricamente). Questa affermazione è corretta. Tuttavia, non dobbiamo perdere di vista il fatto che tutta questa energia che viene ripristinata «per inerzia» dopo lo spegnimento del radiatore deve necessariamente essere stata immagazzinata inizialmente nella massa termica del radiatore. In altre parole, il calore che viene recuperato dopo è stato consumato prima.

Radiatore elettrico ad inerzia secca

Radiatore elettrico ad inerzia secca

Inoltre, anche se alcuni radiatori a inerzia sono in grado di emettere radiazioni (in proporzioni molto variabili), questa tecnologia presenta (a nostro avviso) 2 grandi svantaggi:

  • il radiatore è difficilmente reattivo. A meno che non si disponga di un doppio corpo scaldante, uno dei quali è fatto di un materiale che consente un rapido irraggiamento, il tempo necessario per caricare l’energia nella massa termica è significativo. Inoltre, a volte l’energia può essere immagazzinata inutilmente. Ad esempio, se il termosifone era acceso al mattino e un’ora dopo i raggi del sole riscaldano il soggiorno, l’accumulo sarà stato inutile (e l’energia persa).
  • il principio stesso dell’accumulo di calore nel radiatore è superato. Infatti, oggi siamo alla ricerca di un emettitore di calore che deve essere il più reattivo possibile, in modo da emettere radiazioni solo quando è necessario. L’idea è quella di accumulare inizialmente (per irraggiamento) energia nella struttura della stanza (pareti, pavimento, soffitto, oggetti). Viene immagazzinato e riscalda l’aria in modo indiretto e uniforme. Poi, a seconda delle abitudini di vita degli abitanti, il radiatore radiante (tipo a infrarossi) fornisce il complemento necessario per un breve periodo. Naturalmente, più la casa è isolata, più questa soluzione è efficiente.
Radiatore elettrico radiante a infrarossi

Radiatore elettrico radiante a infrarossi

Il radiatore radiante a infrarossi

I radiatori radianti a infrarossi (lontani) funzionano secondo lo stesso principio dei pannelli radianti, anche se le loro prestazioni non sono generalmente paragonabili. I modelli di qualità sono dotati di un isolamento ad alte prestazioni sul retro (per evitare inutili irradiazioni alla parete di supporto). Si tratta di versioni migliorate dei pannelli radianti.

I radiatori radianti a infrarossi di alta gamma hanno un futuro brillante. Il raggio d’azione della loro radiazione permette loro (se correttamente posizionati) di raggiungere tutte le «masse» della stanza per riscaldare pareti, pavimento e soffitto. Una volta riscaldate, queste masse si irradiano a loro volta per riscaldare l’aria dell’intera stanza in modo uniforme dal pavimento al soffitto. Con una massa termica inferiore, sono generalmente molto più reattivi (si riscaldano più velocemente) e più efficienti. I modelli migliori raggiungono fino al 70% della radiazione infrarossa generata. Sono da preferire i modelli senza pellicola di carbonio (molto più economici ma meno efficienti).

I paragrafi che seguono descrivono i vantaggi di questo tipo di radiatori elettrici, che sono tra le migliori soluzioni di riscaldamento elettrico.

File esperto: Vedere l’infografica sui radiatori elettrici a infrarossi

Principio del riscaldamento elettrico radiante

Il riscaldamento radiante consente di trasferire il calore senza contatto, proprio come il sole che non riscalda direttamente l’aria del nostro pianetaDue esempi per comprendere il principio della radiazione:

  • In inverno, su una pista da sci sotto un bel sole e con una temperatura esterna di -2°C, si può provare una dolce sensazione di comfort. Il sole trasferisce il calore all’utente attraverso la radiazione infrarossa. Eppure l’aria ambiente rimane a -2°C! Non appena una nuvola si frappone tra voi e il sole, provate un’immediata sensazione di freddo.
  • In pieno inverno, quando accendete un fuoco all’aperto (braciere), la temperatura esterna è di -2°C, ma il fuoco vi riscalda e vi fa sentire bene accanto al fuoco. Il fuoco non ha riscaldato l’aria (cosa che sarebbe impossibile), ma ha semplicemente trasferito la sua energia per irraggiamento!

Questo è il principio del riscaldamento radiante, che si può trovare nelle stufe a legna, nel riscaldamento a pavimento o a soffitto, nei radiatori del vecchio riscaldamento centrale o negli odierni radiatori radianti ad alte prestazioni.

Capire il riscaldamento radiante in 2 minuti

 

(+) Riscaldamento radiante

(+) Riscaldamento radiante: riscalda le masse che accumulano energia e la rilascia delicatamente nell’aria ambiente senza disturbarla…. «Questo riscaldamento crea poco movimento d’aria e quindi poca polvere e allergeni», spiega il dottor Déoux per Top Santé

(-) Riscaldamento a convezione

(-) Riscaldamento a convezione: riscalda l’aria ma non le masse… la sensazione di freddo rimane sulle pareti e sul pavimento. Per compensare questo disagio, l’utente aumenta la temperatura, accentuando il fenomeno del movimento dell’aria senza riscaldare le pareti. Da evitare.

Ci sono tanti buoni motivi per vietare i convettori elettrici?
?

Riscaldamento a convezione: tanti svantaggi….

Riscaldamento a convezione: tanti svantaggi….

  • Consumo di energia. Non può essere utilizzato per stanze di altezza superiore a 2,5 metri.
  • Riscalda l’aria senza riscaldare le masse. Impedisce quindi il comfort.
  • Sollecita l’aria dell’ambiente e gli allergeni. Asciuga l’aria nella stanza.
  • Il suo unico «vantaggio» è il prezzo «relativo» (prima di ricevere la bolletta mensile dei consumi)…

radiatori elettrici a convezione (anche quelli più recenti) trasportano polvere, spore di muffa e allergeni nella stanza. La polvere che si accumula sull’elemento riscaldante viene «bruciata» durante il processo di riscaldamento. Quindi viene rimescolato e mescolato con l’aria ambiente che si respira. Sconsigliato a chi soffre di allergie.

I radiatori ad aria forzata (ventilconvettori), in cui l’aria passa attraverso una serie di alette per riscaldarsi, funzionano secondo un principio simile a quello dei convettori. I riscaldatori supplementari non sono progettati per il riscaldamento continuo e possono emettere sostanze inquinanti significative.

Perché il riscaldamento radiante (tipo a infrarossi) è il metodo di riscaldamento elettrico più economico e confortevole?

Principali vantaggi dei radiatori radianti (tipo a infrarossi)

+ Veloce da riscaldare. I dispositivi di qualità emettono infrarossi entro 20-25 minuti. Tenete presente che questo è il tempo limite per l’emissione di radiazioni. Se la stanza è compatta e ci si trova nel campo di irradiazione del radiatore, si può beneficiare della sensazione a partire da questo momento. Tuttavia, si noti che il principio di riscaldamento (da cui trae la sua efficienza) è quello di riscaldare le masse (pavimento, parete, soffitto, oggetti). Inoltre, il tempo necessario affinché le masse nella stanza in questione diventino calde dipende da diversi parametri, come la dispersione termica della stanza (qualità dell’isolamento, spessore delle pareti), la temperatura iniziale della stanza, la temperatura desiderata e la temperatura esterna…. Chiaramente, se le pareti e il pavimento sono già parzialmente riscaldati, il comfort può essere raggiunto molto rapidamente: il radiatore non deve funzionare a lungo per fornire il comfort desiderato. A differenza del radiatore a inerzia, che richiede il riscaldamento di una grande massa (mattoni, pietra, metallo, ecc.) prima di riscaldare la stanza, il radiatore a infrarossi è molto reattivo perché non ha una grande massa da riscaldare.

Un calore morbido e avvolgente. Il radiatore radiante (efficiente) riproduce l’effetto del sole. Il calore è quindi distribuito, delicato e avvolgente. La sensazione è quella di una stufa a legna, ma più delicata. La «temperatura percepita» di un riscaldatore radiante efficiente è molto più alta della «temperatura percepita» di altre tecnologie di riscaldamento per la stessa temperatura ambiente. Ad esempio, mentre la temperatura dell’aria è di 20°C in entrambi i casi, con il riscaldamento radiante si sentirà almeno 2°C più caldo. Questo è il risultato diretto del fatto che pareti e pavimenti più caldi vi faranno «sentire» più a vostro agio.

File esperto: Perché e come aumentare la temperatura percepita in un stanza riscaldata?

Consumi ragionevoli e talvolta ridotti. Il radiatore a infrarossi (efficiente) è senza dubbio il radiatore elettrico con il consumo più basso. Il rapporto comfort/consumi è il migliore di tutti i radiatori elettrici.

Svantaggi dei radiatori radianti

+ Il posizionamento del radiatore nella stanza è importante per ottenere una radiazione infrarossa efficace.

+ Il prezzo di un radiatore radiante è elevato perché i materiali utilizzati per emettere gli infrarossi sono costosi (e non sostituibili).

File esperto: Dove e come deve essere posizionato un radiatore radiante a infrarossi per massimizzare l’efficienza?

File esperto: Come valutare la potenza e il numero di radiatori elettrici in una stanza?

Criteri per la scelta di un radiatore radiante efficiente

I punti chiave da controllare prima di acquistare un radiatore radiante per garantire l’efficienza:

  • La temperatura superficiale del radiatore. Questo è un elemento fondamentale per poter emettere radiazioni in modo efficiente (componente chiave dell’equazione matematica sulle radiazioni). Se la temperatura superficiale del radiatore è inferiore a 80°C, la quantità di radiazioni è bassa (meno del 50%). Si tratta quindi di un importante parametro di riferimento per i consumatori.
  • Il materiale della superficie che emette la radiazione. I materiali migliori per emettere radiazioni sono il metallo e il vetro. Tutti gli altri materiali devono essere naturalmente evitati.
  • La termografia della superficie dell’apparecchio deve mostrare una temperatura il più possibile omogenea (limitare le differenze tra le diverse zone del radiatore).
  • La necessità di un isolamento ad alte prestazioni sul retro dell’unità per garantire che il flusso di radiazioni non venga inutilmente disperso sul retro della parete. Tuttavia, questo è il caso della maggior parte dei radiatori radianti.
  • Il tasso di radiazione del dispositivo, naturalmente! Riassume l’efficienza del dispositivo. Chiedete un valore certificato da un organismo indipendente. I leader europei hanno attualmente valori di irraggiamento di circa il 70% (cioè 30% di convezione). La maggior parte degli apparecchi presenti sul mercato ha tassi di radiazione compresi tra il 10% e il 50%. Se un venditore vi parla del 100%, scappate!

Questi elementi scientifici sono noti e documentati. Per esempio, l’Università di Tecnologia di Stoccarda documenta l’equazione matematica per la radiazione infrarossa nel riscaldamento. La potenza di radiazione viene calcolata utilizzando la legge di Planck, la temperatura superficiale e l’emissività del materiale radiante.

Un ultimo punto di riferimento è il prezzo. In assenza di una legislazione vincolante che vieti ai produttori di utilizzare la terminologia «radiatore radiante», sugli scaffali dei rivenditori si trovano convettori presentati «come dei radiatori radianti». A meno di 600€-700€ non è possibile acquistare un radiatore di qualità per riscaldare 10 m².

Per saperne di più sul riscaldamento radiante e sul comfort termico

File esperto: Perché si parla di radiazione “lontana” IRL?

File esperto: Quali sono le caratteristiche del radiatore ideale?

Come scegliere un radiatore a infrarossi: I migliori radiatori a infrarossi

I vantaggi dei radiatori a infrarossi lontani (IRL)? I vantaggi dei radiatori a infrarossi lontani (IRL)?

File esperto: Perché le persone affette da asma e problemi respiratori dovrebbero scegliere il riscaldamento radiante?

Scoprite le ultime innovazioni delle aziende leader nel settore del riscaldamento elettrico radiante

degxel
Heatgood
chauffage heat4all

IT-FOX92

Résumé
Criteri preferenziali per scegliere un radiatore elettrico radiante efficiente
Titre de l'article
Criteri preferenziali per scegliere un radiatore elettrico radiante efficiente
Description
Criteri preferenziali per scegliere un radiatore elettrico radiante efficiente Che cos'è un radiatore radiante? Principio del riscaldamento a radiatori elettrici radianti? Ci sono tanti buoni motivi per vietare i convettori elettrici? Perché il riscaldamento a radiatori radianti è la forma più economica e confortevole di riscaldamento elettrico? Criteri per la scelta di un radiatore radiante efficiente
Auteur
Foxof
Foxof
Meilleures innovations pour l’habitat