Home / Riscaldamento / Riscaldamento Infrarosso / Guida / Ottimizzare il comfort riducendo il consumo (españolfrançaisenglish)

Perché e come aumentare la temperatura percepita in una stanza riscaldata?

Condividi

Cos’è la temperatura percepita?

La temperatura percepita fuori: una questione di sensazioni…

Comunemente, si parla della temperatura percepita nel mezzo dell’inverno o dell’estate. Infatti, quanto maggiore è la differenza tra la temperatura del nostro corpo e la temperatura esterna, più i flussi termici (la quantità di calore che esce dal nostro corpo verso l’ambiente) aumentano. Di conseguenza, le sensazioni sgradevoli (troppo caldo, troppo freddo) sono “percepite” come amplificate. Fattori esterni come il vento o l’umidità vengono amplificare questo fenomeno. In inverno il fattore vento “spossesserà” il nostro corpo della radiazione che emette permanentemente per riscaldarci (bruciamo più calorie per mantenerlo a 37°C). L’estate, il fattore umidità, impedisce il nostro corpo di evacuare efficacemente il suo sudore. Quindi più alto è il fattore umidità, più sgradevole è la sensazione.

Quali sono i fattori fisici che influenzano il comfort termico in un edificio (nel contesto del riscaldamento)?

  • La temperatura ambiente dell’aria Ta (minore è la temperatura, maggiori sono i flussi termici, maggiore è la sensazione di freddo)
  • La variazione della temperatura (più o meno importante) nel tempo (onde di calore) e nello spazio (gradiente di temperatura tra il pavimento e il soffitto, cioè la non omogeneità della temperatura, si parla di stratificazione: 27°C al livello del soffitto e 12°C al livello del pavimento). Questa variazione e questo disagio sono legati al modo di riscaldamento utilizzato all’asimmetria della radiazione delle diverse pareti (vetri, pareti, pavimento, soffitto), che non deve essere superiore a 10°C (norma ISO 7730:2005 ergonomia delle atmosfere termiche).
  • La temperatura media delle pareti Tp (vetri, pareti, pavimento, soffitto) e la loro deviazione dalla temperatura ambiente. Tale divario deve essere il più limitato possibile.
  • La velocità di circolazione dell’aria nella stanza (idealmente inferiore a 0,2 m/s).
  • L’ umidità relativa dell’aria (idealmente tra 40% e 60%).

Differenze tra la temperatura misurata e la temperatura percepita

Empiricamente, si dice che la temperatura percepita è la media tra la temperatura ambiente e la temperatura “radiante” delle pareti.

Naturalmente, l’emissività (per radiazione) dei materiali costitutivi delle pareti avrà un’influenza significativa sulla temperatura percepita che si origina da questa parete. Ad esempio, a una temperatura di 15°C, un vetro o un muro di cemento emetterà una radiazione fredda molto più sgradevole di un muro di terra o ricoperto da pannelli di legno. Inoltre, l’effusività del materiale, caratterizzata dalla sua capacità di riscaldarsi più o meno rapidamente in superficie, influenzerà la reazione della parete al riscaldamento. Un isolante si riscalda rapidamente in superficie senza far passare l’energia.

Temperatura ambientale o percepita

Pertanto, una stanza con una temperatura ambiente di 22°C ma con una temperatura media delle pareti di 15°C risulterebbe in una temperatura percepita di 18.5°C (22°C+15°C/2), ciò che non sarebbe soddisfacente in termini di comfort (mentre la stanza sarebbe surriscaldata)!

=> Di conseguenza, e contrariamente alla credenza popolare, nella maggior parte dei casi aumentare la temperatura ambiente di una stanza per sperare di ottenere il comfort è una soluzione molto insufficiente. Tanto più che da 20°C, ogni grado supplementare costerà il 7% di energia supplementare.

Mancanza di comfort
  • Quindi la cosa principale non è la temperatura misurata sul termostato, ma la temperatura percepita!

Come misurare o valutare la temperatura percepita?

Misurate la temperatura percepita e no la temperatura ambiente!

  • Metodo simplificato 1:
    • Per misurare la temperatura delle pareti, il più semplice è avere un normale termometro a infrarossi. Effettuare un’indagine dei punti di temperatura superficiale sulle 4 pareti, sul soffitto, sul pavimento, e su ogni vetratura poi effettuare una media globale per la stanza. Fare attenzione che non ci sia una differenza di più di 10°C tra le pareti più calde e più fredde.
    • Confrontare la media ottenuta (T pareti) al valore del termostato ambiente (vedere la posizione ideale di un termostato). Fare riferimento al paragrafo successivo per valutare la deviazione (e quindi il comfort) a seconda del livello di isolamento.
  • Metodo 2: la temperatura percepita dal corpo umano (o temperatura risultante) è la media tra la temperatura dell’aria e la temperatura media delle pareti della stanza (temperatura media radiante). Per esempio: Temperatura di tutte le pareti (muri, pavimento, soffitto) = T media delle pareti = 17°C e Temperatura dell’aria T aria = 22°C. La temperatura percepita al centro della stanza sarà di 19.5°C ((17°C+22°C)/2).
  • Metodo 3: ci sono anche banchi di prova mobili, riservati a un uso professionale. Dispositivi di misura, il cui principio di funzionamento si basa su sonde sferiche (cosiddetti sensori globi a palle nere misura di WBGT). Questo dispositivo di sonda misura direttamente il flusso di radiazione termica che riceve.

Quali soluzioni per aumentare la temperatura percepita, quindi il comfort?

Un buon isolamento è la prima regola!

Il comfort dipende direttamente dal legame tra la temperatura delle pareti, la temperatura ambiente (quella dell’aria) e la qualità dell’isolamento delle pareti (al fine di limitare le perdite termiche).

influence de la température des parois sur le confort thermique

Si può vedere che quanto migliore è il livello dell’isolamento delle pareti (muri, soffitto,pavimento), minore sarà la temperatura ambiente necessaria (quindi il riscaldamento), per ottenere un buon livello di comfort.

Il comfort dipende direttamente dal legame tra la temperatura delle pareti, la temperatura ambiente (quella dell'aria) e la qualità dell'isolamento delle pareti (al fine di limitare le perdite termiche).

In termini pratici, secondo la letteratura, i sondaggi degli esperti affermano che:

  • per un buon livello dell’isolamento (U=0.2w/m2.K), una temperatura ambiente e una temperatura delle pareti a 19°C provocheranno un ottimo comfort.
  • per un livello dell’isolamento medio (U=1.0w/m2.K), una temperatura ambiente di 21°C al minimo e una temperatura delle pareti a 17°C sono le condizioni necessarie per ottenere la zona di comfort.
  • per un livello dell’isolamento debole (U=1.5w/m2.K), una temperatura ambiente di 23°C al minimo e una temperatura delle pareti a 16°C sono le condizioni necessarie per ottenere la zona di comfort.

Come aumentare la temperatura percepita senza aumentare la temperatura ambiente (e il riscaldamento)?

  • Migliorare l’isolamento della stanza (soffitto, pavimento, muri) sfruttando il contributo termico esterno (orientamento rispetto al sole).
  • Migliorare la tenuta dell’aria.
  • Vetrature: munitevi di tende o tendaggi (e anche di tende termiche o tende isolanti) o chiudete le persiane per limitare la radiazione delle pareti vetrate verso di voi.
  • Installare il riscaldamento a radiazione infrarossa per riscaldare le masse.

Il riscaldamento radiante a infrarossi può aumentare la temperatura percepita senza aumentare il consumo di energia

  • Il 35% dello scambio termico del nostro corpo con il suo ambiente avviene per convezione e il 35% per radiazione.

In base sul principio fisico che qualsiasi corpo (la cui temperatura è superiore allo 0 assoluto) emetterà energia per radiazione, il riscaldamento radiante emetterà della radiazione a infrarossi verso i corpi e le pareti (pavimento, muro, soffitto, ecc.). Questa energia si accumulerà nella struttura dell’edificio per essere irradiata a su volta verso l’interno della stanzaL’efficacia del fenomeno risiede nel fatto che la temperatura delle pareti aumenterà contrariamente a un riscaldamento classico per convezione.

Rispeto al riscaldamento classico (convettore), la temperatura percepita è superiore con il riscaldamento a radiazione infrarossa di qualità! Il comfort è quindi migliore, a una temperatura più bassa, consumando meno!
 radiazione infrarossa
  • Rispeto al riscaldamento classico (convettore), la temperatura percepita è superiore con il riscaldamento a radiazione infrarossa di qualità! Il comfort è quindi migliore, a una temperatura più bassa, consumando meno!

Per saperne di più: Leggere il nostro file sui radiatori radianti per gli interni

Capire il riscaldamento a infrarossi in meno di un minuto 30!

 

Come valutare la potenza e il numero di radiatori elettrici in una stanza?

Radiateur miroir chauffant

Vedere il Catalogo 2022

VEDERE
radiateur-tableau-personnalisable

Fornire il decoro della vostra scelta

VEDERE

IT-FOX2

Résumé
COME AUMENTARE LA TEMPERATURA PERCEPITA IN UNA STANZA RISCALDATA SENZA AUMENTARE LA FATTURA?
Titre de l'article
COME AUMENTARE LA TEMPERATURA PERCEPITA IN UNA STANZA RISCALDATA SENZA AUMENTARE LA FATTURA?
Description
Perché e come aumentare la temperatura percepita in una stanza riscaldata? Cos'è la temperatura percepita? Come misurare o valutare la temperatura percepita? Quali soluzioni per aumentare la temperatura percepita, quindi il comfort?
Auteur
Foxof
FOXOF
Meilleures innovations pour l’habitat