Home / Riscaldamento / Riscaldamento elettrico / Quale sono le caratteristiche del riscaldamento ideale? (français – españolenglish)

Quale sono le caratteristiche del radiatore ideale? Principi tecnici e comparativo delle prestazioni

Condividi

Sommario

  1. principali principi del riscaldamento residenziale: riscaldamento per convezione o per radiazione
  2. Le caratteristiche aspettate di un radiatore ideale
  3. Comparativo dei diversi modi di riscaldamento
  4. Tabella riassuntiva delle diverse tecnologie dei radiatori: vantaggi e svantaggi
  5. Conclusione: i migliori radiatori

I principali principi del riscaldamento residenziale: convezione o radiazione?

Qualunque sia la tecnologia di emissione di calore utilizzata (riscaldamento elettrico o ad acqua calda), ci sono 3 modi di emissione di calore per il riscaldamento:

  • il riscaldamento per conduzione (ad esempio: riscaldamento a pavimento a bassa temperatura, i piedi sono in contatto con il suolo)
  • il riscaldamento per convezione (da qui il nome dei convettori)
  • il riscaldamento per radiazione (da qui il nome radiatori = radiante / radiazione usato a torto per qualsiasi cosa)
Chauffage idéal basse consommation

Comfort termico e basso consumo

Un riscaldamento per convezione riscalda l’aria direttamente. L’aria fredda si riscalda al contatto dell’emettitore (griglia, piastra, resistenza) di calore, poi sale al soffitto man mano che si riscalda. Poi si raffredda gradualmente a causa delle perdite della stanza. Ciò crea un flusso d’aria (agitando la polvere bruciata al contatto dell’emettitore) e un ciclo di raffreddamento e di riscaldamento.

Il riscaldamento per radiazione non riscalda l’aria direttamente, invece riscalda le superficie delle masse (pavimento, pareti, soffitto, oggetti) che assorbiranno e poi restituiranno questo calore all’aria ambiente della stanza. A differenza dei convettori con cui l’aria calda è stratificata (suolo a 15°C, mezza altezza a 19°C, soffitto a 25°C), con un radiatore radiante la temperatura dell’aria è quasi omogenea dal suolo al soffitto. Questa sfumatura è essenziale perché, da un lato, l’aria non è mescolata (con i suoi allergeni e le sue polveri) d’altra parte il comfort termico percepito è molto maggiore (paragonabile a quello del sole), evitando così un aumento della temperatura del termostato (e quindi del consumo).

>> Le choix du chauffage La scelta del riscaldamento per radiazione non è più oggetto di dibattito odierno: è la tecnologia di riscaldamento che si deve cercare per un radiatore!

Per saperne di più: Capire la nozione del coefficiente di idoneità di un radiatore elettrico

Per saperne di più: Come aumentare la temperatura di una stanza senza aumentare la fattura?

Per saperne di più sul riscaldamento per radiazione

Quale sono le caratteristiche aspettate di un radiatore ideale?

Il presente articolo si concentra sull’efficienza dei diversi emettitori di calore e non sul confronto delle diverse tecnologie di riscaldamento (pompa di calore, stufa a legna/pellet, ecc.).

Non perdere di vista che il radiatore non fa tutto! Le 3 regole d’oro per ottimizzare la fattura e il comfort sono:

  1. Un isolamento efficace dei pareti, del pavimento, del soffitto e delle vetrate. Una buona tenuta all’aria.
  2. Un buon orientamento delle stanze per approfittare degli apporti energetici esterni.
  3. Un radiatore ad alte prestazioni cioè:
    • che emette la maggior radiazione possibile (e quindi una minima convezione). Oggi nessuna legge impone un tasso di radiazione minimo per “utilizzare” il nome radiatore radiante. Un radiatore che emette almeno il 50% di radiazione è il minimo. Va notato che i radiatori radianti di meno di 500€ non superano il 40% del tasso di radiazione. Le migliori marche di radiatori radianti sul mercato: DEGXEL, CAMPA, CINIER, HEAT4ALL, ecc. L’emissività del materiale superficiale del radiatore (o la sua capacità di emettere più radiazione possibile) è un parametro chiave.
    • dotato di una gran superficie di emissione di calore a seconda della sua potenza.
    • con poca inerzia (per il suo disegno) e che è associato a una regolazione termica molto efficiente. Il radiatore con poca inerzia (sottile, nessun corpo scaldante di ghisa) combinato con un termostato molto efficiente fornirà rapidamente il calore alla stanza evitando ondate di calore (questo è il concetto del coefficiente di idoneità). Infatti, più inerzia avrà il radiatore, più ci vorrà a caricarsi di energia e quindi a restituirla. D’altra parte, quando la temperatura esterna aumenta durante il giorno a causa dell’apporto solare, il radiatore continuerà a fornire l’energia immagazzinata anche se ciò significa superare la temperatura richiesta e quindi creare ondate di calore e dei consumi superflui. Per rispondere in modo flessibile alle variazioni di setpoint (comfort, eco, assenza, protezione antigelo), la coppia radiatore-termostato deve essere reattiva.
    • dotato della buona potenza. Richiedere un bilancio di potenza al fabbricante o all’installatore. Un elettricista utilizza di solito 100W per m2 per un riscaldamento elettrico (1000W per una stanza di 10 m2). Per i radiatori elettrici radianti i più efficienti (a infrarossi), 60W per m2 sono sufficenti. Non è necessario sovradimensionare quando si possono conoscere facilmente i parametri termici della stanza (superficie, altezza del soffitto, isolamento, orientamento, temperatura desiderata) e dedurrne le perdite termiche e la potenza necessaria del radiatore.
    • ben posizionato nella stanza. I radiatori radianti sono tanto più efficienti quando sono ben posizionati, cioè in modo che la radiazione possa raggiungere tutte le aree della stanza (pavimento, parete, soffitto). Sopratutto non posizionarlo dietro i mobili che bloccherebbero la radiazione. Solo i radiatori ad alta prestazione avranno la possibilità di irradiare a 3-4 metri di distanza per raggiungere tutte le aree della stanza.

Comparativo dei diversi modi di riscaldamento, vantaggi e svantaggi…

Stai esitando tra diverse tecnologie di radiatori? Questo articolo è fatto per te.

I convettori sono la versione di base che ha reso popolare il riscaldamento elettrico negli anni 80. Dal punto di vista tecnologico, è cambiato poco. Si calcola un fabbisogno di potenza (quindi del consumo) che varia da 100 a 150 Watt per m2! Funziona soltanto sul principio della convezione riscaldando l’aria ambiente che si stratifica nella stanza (15°C al livello del pavimento, 27°C al soffitto). La maggior parte delle volte essicca l’aria e provoca ondate di calore (correnti d’aria calda) a volte percepite come sgradevoli. Questa tecnologia ormai obsoleta è da bandire.

convecteur électrique

Convettore elettrico

chauffage caniveau

I ventilconvettori a pavimento

pannelli riscaldanti a battiscopa elettrici funzionano sul principio dei convettori. La loro grande lunghezza permette di attenuare l’effetto convettivo mediante una buona distribuzione del calore nella stanza. Riscaldano l’aria fredda che si trova immediatamente a terra. Si deve contare 300 € per metro lineare. Una declinazione è il ventilconvettore a pavimento per un risparmio di spazio ancora maggiore.

Il radiatore a inerzia è costituito da un corpo scaldante in ceramica, ghisa, steatite, vetro, mattone, o pietra. Quest’ultimo ha delle proprietà di accumulo termico importante tramitte una resistenza elettrica situata nel suo cuore (radiatore ad inerzia secca) o mediante un fluido termovettore che lo attraversa (cosiddetto un radiatore ad inerzia fluida). L’energia viene trasmessa alla carcassa del radiatore (con alta emissività – alluminio) che emette lentamente per radiazione a bassa temperatura e per convezione, anche quando il radiatore non è più alimentato elettricamente. Il concetto è seducente.

radiateur inertie

Radiatore ad inerzia secca o fluida – Credit foto Thermor

Si parla di “calore morbido” (spesso a torto) soltanto se il radiatore ha la capacità di irradiare il calore accumulato sotto forma di infrarossi (a immagine del sole). I radiatori ad inerzia fluida hanno una migliore sensazione di calore morbido (che ad inerzia secca) a causa di una temperatura superficiale più omogenea e di una migliore efficienza termica. Il problema principale è la mancanza di reattività del radiatore (a causa della sua inerzia) per rispettare rigorosamente le istruzioni di temperatura alfine di evitare consumi eccessivi e ondate di calore. La regolazione integrata del radiatore deve essere molto efficace per “masterizzare” l’inerzia.

I radiatori a acqua calda connessi al riscaldamento centralizzato (caldaia gas, legno, olio combustibile, ecc.) offrono generalmente un buon comfort termico se sono a bassa temperatura.

radiateur à chauffage central eau chaude

Riscaldamento centralizzato – Radiatore con circuito ad acqua

plancher chauffant

Pavimento riscaldante radiante (idraulico o elettrico)

Il riscaldamento a pavimento (idraulico a bassa temperatura o radiante elettrico) è un investimento che deve essere considerato con attenzione. Inffatti, salvo una rinnovazione intera del pavimento, non sarà intercambiabile come un radiatore. Ha il vantaggio di una buona distribuzione di calore (nessuna zona fredda) su tutta la stanza e un ottimo comfort. Tuttavia, la sua inerzia può causare consumo eccessivo e disagio sui modelli di media gamma. Il pavimento radiante idraulico ha il vantaggio di aiutare il raffreddamento l’estate (circolazione di acqua fredda).

radiatori radianti con una griglia frontale forata emettono il calore per radiazione (tra il 10% e il 30%) e per convezione. La portata della radiazione è dell’ordine di 1 metro. Solo le superfici vicine saranno riscaldate dalla radiazione, il resto del volume viene riscaldato come da un convettore. Si distinguono i pannelli radianti di prima generazione (detti aperti), il cui emettitore di calore è visibile attraverso la griglia forata e i pannelli chiusi (detti pannelli riscaldanti). I pannelli chiusi sono più efficienti dal punto di vista del comfort e dell’energia. La maggior parte del tempo si tratta dei radiatori a infrarossi (vedi sotto).

radiateur rayonnant radiant

Radiatore radiante semplice con griglia frontale

radiateur électrique infrarouge

Radiatore elettrico a infrarossi lontani ad alta prestazione – Credito foto HeatGood

radiatori a infrarossi ad alte prestazioni sono radiatori radianti che producono una radiazione superiore > al 50% (quindi soltanto il 50% di convezione). Questo sono i radiatori che si avvicinano il più al concetto del radiatore ideale perché soddisfano tutte le caracteristiche richieste (vedi sopra) per ottimizzare il comfort e il basso consumo: pannello chiuso, temperatura superficiale omogenea su tutto il pannello, bassa inerzia, controllo elettronico a scelta perché non a bordo (da qui la possibilità di scegliere una regulazione ad alto rendimento), una forte componente radiante (quindi un calore morbido), una grande superficie del pannello.

Attenzione! La mancanza di regolamentazione sui radiatori a infrarossi dovrebbe indurre gli acquirenti ad essere particolarmente vigili. Infatti, in questa categoria dei radiatori estremamente efficaci (a infrarossi lontani) si trovano dei radiatori piatti semplici funzionando come dei convettori. I prezzi variano da 100€ a più di 1500€ per la stessa potenza. Per saperne di più sul radiatore a infrarossi.

Tabella riassuntiva delle diverse tecnologie dei radiatori

L’efficienza termica di un radiatore è la capacità dell’emettitore di calore di produrre un calore omogeneo nello spazio (dal pavimento al soffitto), constante nel tempo e confortevole (assenza di onde di calore e dell’essiccazione dell’aria). A tal fine, il suo controllo elettronico deve effettivamente tenere in conto le variazioni della temperatura esterna (e degli apporti solari) e della presenza variabile degli occupanti (cambiamenti di setpoint (eco, comfort)). Si tratta quindi della coppia radiatore – regulazione che definisce l’attitudine di un radiatore alla sua funzione (il suo coefficiente di idoneità).

Tecnologia
Vantaggi Svantaggi
Convettore elettrico
I – :

  • Stratificazione dell’aria (freddo al livello del pavimento, caldo al livello del soffitto). Sensazione di correnti d’aria calda e d’aria fredda. Il comfort è molto difficile da raggiungere. Tendenza ad aumentare significativamente la temperatura della stanza per compensare l’assenza del riscaldamento delle pareti. L’essiccazione dell’aria sotto dei livelli consigliati.
  • Consumo molto elevato relativo al principio di convezione. Spesso è necessario di riscaldare a 2-3°C di più che con altre tecnologie.

Riscaldamento elettrico a battiscopa

I + :

  • Buona copertura dovuta a grandi lunghezze, posizionamenti in aree complesse
I – :

  • Consumo molto elevato.

Ventilconvettori a pavimento

I + :

  • Buona copertura dovuta a grandi lunghezze, posizionamenti in aree complesse, notevole risparmio dello splazio. Effetto di cortina di calore per le vetrature.
I – :

  • Consumo molto elevato, secondo la tecnologia.

+++ Radiatore a inerzia (secca o fluida)

I + per i migliori modelli:

  • Calore morbido, soggetto ad un’importante parte radiante (i migliori modelli)
  • Basso consumo per i migliori modelli (circa il 30-40% di radiazione).
  • La qualità dell’aria non è modificata
I – :

  • Aumento della temperatura iniziale lento (dell’ordine di 45 min), ad eccezione dei radiatori a doppio cuore (o doppio corpo) che integrano inoltre una pellicola radiante simile al radiatore a infrarossi. Nel complesso, non è opportuno alle stanze che necessitano essere riscaldate rapidamente per brevi periodi. L’inerzia fluida è più lenta che l’inerzia secca.
  • Poiché il radiatore diffonde il calore da entrambi i lati del radiatore, la parete di fissaggio deve essere ben isolata.
  • Quanto maggiore è la superficie del radiatore, tanto migliore è la radiazione.
  • Contare con 100 Watt per m2 per una stanza moderatamente isolata, 80 Watt per m2 per una stanza ben isolata.

+++ Radiatore ad acqua calda (riscaldamento centralizzato)

I + per i migliori modelli:

  • Calore morbido a bassa temperatura.
  • Aumento della temperatura abbastanza rapida.
  • Compatibile con più fonti di energia (gas, solare, geotermica, PAC, legno, ecc.).
  • Emissione di calore a bassa temperatura.
I – :

  • Poiché il radiatore diffonde il calore da entrambi i lati del radiatore, la parete di fissaggio deve essere ben isolata.
  • Perdite al livello del circuito di distribuzione.
  • Quanto maggiore è la superficie del radiatore, tanto migliore è la radiazione.
  • La necessità di un termostato (valvola termostatica) per evitare le ondate di calore.
  • Manutenzione (caldaia e radiatore).

Riscaldamento a pavimento

I + :

  • Ottimo comfort di utilizzazione: buona distribuzione del calore su tutta la superficie, possibilità di muoversi a piedi nudi.
  • Libera spazio (nessun radiatore).
  • Compatibile con più fonti di energia (elettricità diretta, pompa di calore, gas, solare, geotermia, legno, ecc.).
  • Preferire il riscaldamento a pavimento idraulico al riscaldamento a pavimento elettrico.
I – :

  • Attenzione alla gestione dell’inerzia poco reattiva: aumento della temperatura iniziale o abbassemento della temperatura lento. Una buona regolazione è essenziale per garantire che il pavimento riscaldante si adatti constantemente alle diverse esigenze degli utenti e alle condizioni climatiche esterne (compreso il apporto solare).
  • Poiché la radiazione è di entrambi i lati, la lastra di supporto deve essere ben isolata per evitare le perdite.
  • Investimento iniziale elevato. Manutenzione. Complesso in caso di una rinnovazione.
  • Alcuni vincoli di arredamento (limitare i tappeti, rivestimenti da evitare, mobili senza piedi).

Radiatore elettrico radiante

I + :

  • Calore morbido soggetto a una potenza radiante importante (alcuni modelli rari)
  • Diffusione di calore rapida
  • Migliori modelli: tasso di radiazione di almeno il 40% per le abitazioni scarsamente isolate.
I – :

  • È indispensabile di scegliere dei modelli di alta gamma, perché le prestazioni diminuiscono rapidamente (radiazione intermittente e poco potente).
  • Poiché il radiatore diffonde il calore da entrambi i lati del radiatore, la parete di fissaggio deve essere ben isolata.
  • Quanto maggiore è la superficie del radiatore, tanto migliore è la radiazione.
  • L’aria è in contatto con l’emettitore di calore molto caldo, causando la convezione e degradando l’aria.

+++ Radiatore a infrarossi lointani

I + per i migliori modelli:

  • Calore morbido soggetto a una potenza radiante importante. Temperatura percepita superiore alle altre tecnologie = riscaldare ad una temperatura più bassa.
  • Diffusione di calore rapida (se materiale superficiale ad alta emissività).
  • L’aria non è mai in contatto con l’elemento riscaldante incorporato nella struttura completamente chiusa del radiatore. Quindi non c’è degradaziono dell’aria e poca convezione.
  • Particolarmente adatto alle grandi altezze del soffitto.
  • Basso consumo. In mancanza dei dati sul coefficiente di idoneità, si consiglia di richiedere al fabbricante i documenti che attestino il tasso di radiazione dei suoi radiatori (min > il 50%, il 70% è il massimo conosciuto in Europa).
  • Installazione a parete o soffitto.
  • Assenza di manutenzione. Rischio di guasto cerca del 0 sui modelli di alta gamma.
I – :

  • Poiché il radiatore diffonde il calore da entrambi i lati del radiatore, la parete di fissaggio deve essere ben isolata. Fatta eccezzione per i modelli di alta gamma costruiti con un isolamento ad alta prestazione sul rertro del radiatore. Il basso spessore di questa tecnologia permette questa aggiunta.
  • La temperatura superficiale del radiatore elevata se si vuole ottenere un bassissimo consumo (50W per m2).
  • Lo spazio di fronte al radiatore deve essere libero per consentire la radiazione in tutte le direzioni.
  • Il prezzo dei modelli di alta gamma.

Fonti: Studi Foxof – Denominazioni secondo la norma europea CEI 675

Conclusione: i migliori radiatori elettrici

Finora, riteniamo che i migliori radiatori (modelli di alta gamma) sono i radiatori ad inerzia fluida e i radiatori elettrici a infrarossi lontani.

I radiatori a infrarossi lontani non hanno nessun termostato integrato nel radiatore stesso. Questo è un vantaggio dal punto di vista tecnico (compatibilità con qualsiasi modalità di controllo, assenza di guasti sul radiatore, ecc.).

Considerazione tecnica. Si nota che alla potenza pari è sempre più efficace dal punto di vista termico (comfort e consumo) moltiplicare il numero di punti caldi (radiatori) nella stanza. Ad esempio, per un fabbisogno di 2100W, si preferiscono 3 radiatori di 700W anziché 2 radiatori di 1000W. Questa è una constante qualunque sia la tecnologia del radiatore.

Capire in 2 min la differenza tra il riscaldamento per radiazione e il riscaldamento per convezione

Scoprire le ultime innovazioni delle imprese leader nel campo dei radiatori elettrici efficienti:

degxel
heat4all
radiateur rayonnant
cinier
thermor

Altri argomenti che potrebbero interessarvi:

Per saperne di più sul riscaldamento a infrarossi per l’abitazione

Come valutare la potenza e il numore di radiatori elettrici in una stanza?

Per saperne di più sulle diverse tecnologie di riscaldamento per l’abitazione

Quali radiatori elettrici soddisfano la direttiva europea EcoDesign?

Selezione di radiatori di alta gamma

Radiateur miroir chauffant

Vedere il Catalogo 2022

VEDERE
radiateur-tableau-personnalisable

Fornire il decoro della vostra scelta

VEDERE

IT-FOX44

Résumé
Quale sono le caratteristiche del radiatore ideale? Principi tecnici e comparativo delle prestazioni
Titre de l'article
Quale sono le caratteristiche del radiatore ideale? Principi tecnici e comparativo delle prestazioni
Description
I principali principi del riscaldamento residenziale: riscaldamento per convezione o per radiazione Le caratteristiche aspettate di un radiatore ideale Comparativo dei diversi modi di riscaldamento Tabella riassuntiva delle diverse tecnologie dei radiatori: vantaggi e svantaggi Conclusione: i migliori radiatori
Auteur
Foxof
FOXOF
Meilleures innovations pour l’habitat