Home / Riscaldamento / Riscaldamento elettrico / Riscaldamento a infrarossi / Quale sistema di riscaldamento scegliere per gli asmatici e per combattere le allergie? (españolenglishfrançais)

Che tipo di riscaldamento si deve usare in caso di malattie (o difficoltà) respiratorie?

Condividi

Per limitare il disagio respiratorio delle persone fragili o affette da malattie respiratorie croniche, è necessario limitare l’inquinamento dell’aria interna. Le persone che soffrono di «fragilità» o di difficoltà respiratorie (asmatici, persone con malattie respiratorie croniche, allergici, ecc.) dovrebbero privilegiare alcuni metodi di riscaldamento per limitare l’impatto sulla salute. In ogni caso, è consigliabile rinnovare l’aria all’interno della casa e arieggiare ogni stanza almeno due volte al giorno per almeno 15 minuti.

Contenuto:

  • Riscaldamento a legna in casa tramite camino aperto, inserto o stufa a legna: impatti sulla salute.
  • Il riscaldamento elettrico dovrebbe essere vietato alle persone con problemi respiratori?
  • Riscaldamento radiante o a infrarossi: preferibile per le persone con difficoltà respiratorie.
  • Scegliere un metodo di riscaldamento che non secchi l’aria della stanza.
  • Manutenzione regolare del riscaldamento per ridurre l’inquinamento atmosferico.

Riscaldamento a legna con camino aperto, inserto o stufa a legna: impatti sulla salute

Pur utilizzando una fonte di energia rinnovabile, il riscaldamento a legna contribuisce in modo significativo agli episodi di inquinamento atmosferico e al livello ambientale di polveri sottili nell’aria esterna. Secondo uno studio del 2015 (fonte AIRPARIF) nella regione di Parigi, il riscaldamento domestico a legna contribuisce al 28% delle emissioni primarie di PM10 e al 42% di PM2,5 (< 2,5 micron). I caminetti aperti e quelli chiusi costruiti prima del 2002 sono responsabili del 75% delle particelle emesse.

La combustione della legna emette sostanze inquinanti che variano a seconda dell’efficienza (potenza) dell’apparecchio e del contenuto di umidità della legna. In genere si tratta di monossido di carbonio (CO), acqua, ossido di azoto (NOx), COVNM, fuliggine, catrami, carbone, composti organici volatili (COV), idrocarburi policiclici aromatici (IPA), H², SO², ecc.

Secondo le agenzie per la tutela della salute (Osservatorio regionale della salute – ORS), il riscaldamento a legna con caricamento del combustibile direttamente nell’ambiente da riscaldare (da non confondere con una caldaia a legna in cantina) è una delle principali fonti di inquinamento nelle abitazioni.

Se le particelle derivanti dalla combustione (imperfetta) della legna vengono inalate (caminetto aperto, fumo che fuoriesce quando si avvia o si (ri)carica la legna, perdite legate alla mancanza di ermeticità, inquinanti a seguito dell’eliminazione delle ceneri, combustione della legna dei vicini da parte dell’aria esterna che entra, ecc.), i rischi per la salute sono reali. Quando penetrano nell’apparato respiratorio favoriscono l’insorgere di asma, tosse, allergie respiratorie. Non bruciare mai legna umida, che emette molto vapore acqueo e quindi umidità e muffa. Complessivamente (senza distinguere tra gli inquinanti) gli effetti deleteri sono (secondo l’osservatorio sanitario regionale dell’Ile de France): irritazione, infiammazione, stress ossidativo, cancerogeni, neurotossici, mutageni, impatto sul sistema cardiovascolare, ecc.

Le perdite delle stufe e degli inserti a legna possono variare a seconda dell’età, del tipo di apparecchio, della qualità dell’apparecchio, della qualità dell’installazione e della manutenzione, della qualità della canna fumaria e del modo in cui l’apparecchio viene utilizzato, seguendo o meno le raccomandazioni del produttore.

La fase di svuotamento e di evacuazione delle ceneri non è banale. Anche se viene eseguita rapidamente, studi scientifici (vedi sotto) hanno dimostrato che a volte vengono rilasciate nell’aria interna quantità significative di rame e manganese.

Concentrazione di rame nell'aria ambiente (e per più di 4 giorni di picco) dopo la rimozione delle ceneri.

Concentrazione di rame nell’aria ambiente (e per più di 4 giorni di picco) dopo la rimozione delle ceneri.

Fonte: Rivista scientifica Chemosphere su Sciencedirect.com

 

Per le persone che non soffrono di problemi respiratori, la limitazione dell’inquinamento dell’aria interna rimane un fattore essenziale per limitare il mal di testa e le difficoltà di concentrazione, le irritazioni (agli occhi, al naso e alla gola) e gli altri effetti tossici menzionati sopra.

In ogni caso, si raccomanda di installare un rilevatore di monossido di carbonio (CO) oltre al rilevatore di fumo. Anche se non rileva i vari composti tossici, indica almeno la presenza di una perdita.

Il riscaldamento elettrico dovrebbe essere vietato alle persone con problemi respiratori?

Per evitare confusioni, è opportuno distinguere tra i diversi tipi di riscaldamento elettrico. Come illustrato nei paragrafi seguenti, è opportuno evitare i metodi di riscaldamento che diffondono l’aria calda agitando l’aria e che seccano l’aria nell’ambiente.

Riscaldamento per convezione: rimescolamento dell'aria ambiente e degli allergeni

Riscaldamento per convezione: rimescolamento dell’aria ambiente e degli allergeni

radiatori elettrici a convezione (anche quelli più recenti) trasportano polvere, spore di muffa e allergeni nella stanza. La polvere che si accumula sull’elemento riscaldante viene «bruciata» durante il processo di riscaldamento. Quindi viene rimescolato e mescolato con l’aria dell’ambiente che si respira.

Per le persone interessate è assolutamente necessario bandire questo tipo di riscaldamento dalle loro case. Infatti, la pulizia delle resistenze elettriche è difficilmente possibile all’interno degli apparecchi di riscaldamento.

I radiatori ad aria forzata, in cui l’aria passa attraverso una serie di alette per riscaldarsi, funzionano secondo un principio simile a quello dei convettori. I riscaldatori supplementari non sono progettati per il riscaldamento continuo e possono emettere sostanze inquinanti significative.

File esperto: Perché e come aumentare la temperatura percepita in un ambiente riscaldato?

Riscaldamento radiante: preferibile per le persone con problemi respiratori

Principio del riscaldamento radiante

Il riscaldamento radiante consente di trasferire il calore senza contatto, proprio come il sole che non riscalda direttamente l’aria del nostro pianeta. Due esempi per comprendere il principio della radiazione:

  • In inverno, su una pista da sci sotto un bel sole e con una temperatura esterna di -2°C, si può provare una dolce sensazione di comfort. Il sole trasferisce il calore all’utente attraverso la radiazione infrarossa. Eppure l’aria ambiente rimane a -2°C! Non appena una nuvola si frappone tra voi e il sole, provate un’immediata sensazione di freddo.
  • In pieno inverno, accendete un fuoco all’aperto (braciere), la temperatura esterna è di -2°C, ma il fuoco vi riscalda e vi fa sentire bene accanto al fuoco. Il fuoco non ha riscaldato l’aria (cosa che sarebbe impossibile), ma ha semplicemente trasferito la sua energia per irraggiamento!

Questo è il principio del riscaldamento radiante, che si può trovare nelle stufe a legna, nel riscaldamento a pavimento o a soffitto, nei vecchi radiatori a riscaldamento centralizzato o negli attuali radiatori a infrarossi.

Impacts du mode de transfert de la chaleur sur la santé

Quels sont les impacts du mode de transfert de la chaleur sur la santé ? Ils peuvent être importants. En effet, on oppose ici les 2 modes de chauffage les plus répandus : le chauffage par convection et le chauffage par rayonnement. La plupart des technologies de chauffage conventionnelles (convecteurs électriques, radiateurs à inertie faiblement rayonnants, pompes à chaleur air/air qui soufflent l’air chaud, etc.) fonctionnent par convection (chauffe l’air). Au delà du manque d’efficacité énergétique de ce mode de transfert de la chaleur à l’air ambiant, la convection n’est pas idéale pour les personnes ayant des problèmes respiratoires.

Capire il riscaldamento radiante in 2 minuti

 

pollution air chauffage

(-) Riscaldamento per convezione: rimescola l’aria dell’ambiente e gli allergeni

pollution air ambiant chauffage

(-) Riscaldamento per convezione: Il principio della convezione è un ciclo di miscelazione di aria calda e fredda. L’aria agitata trasporta gli allergeni e li diffonde nell’ambiente…

 Riscaldamento radiante

(+) Riscaldamento radiante: riscalda le masse che accumulano energia e la rilascia delicatamente nell’aria della stanza senza mescolarlo…. «Questo tipo di riscaldamento crea poco movimento d’aria e quindi poca polvere e allergeni…«, spiega il dottor Déoux per Top Santé

Riscaldamento per convezione

(-) Riscaldamento per convezione: riscalda l’aria ma non le masse… la sensazione di freddo persiste. Per compensare questo disagio, il riflesso è quello di aumentare la temperatura che, oltre a consumare di più, accentua il fenomeno del rimescolamento dell’aria.

Quali riscaldatori funzionano per irraggiamento?

  • Pannelli radianti o a raggi infrarossi. Si noti che devono essere considerati solo i pannelli che emettono almeno il 50% di radiazione (e quindi il 50% di convezione). La mancanza di una legislazione in questo settore significa che occorre prestare attenzione quando si tratta di richieste di risarcimento che devono essere verificate con i produttori. Il campo di irradiazione deve essere di almeno 3 metri in tutte le direzioni dalla posizione del radiatore.
  • Riscaldamento a pavimento a bassa temperatura (elettrico o tramite serpentine ad acqua calda) che irradia verso l’alto e riscalda l’intera massa termica che compone il pavimento. Scegliere preferibilmente un sistema reversibile per generare raffreddamento durante l’estate..
  • Soffitti riscaldati (di solito elettrici) che irradiano calore verso il basso.
  • Alcune caldaie (a gas, a legna, a gasolio) collegate a scaldabagni periferici e se sono (già) installate in un locale ventilato e separato dal resto della casa. Carattere non rinnovabile (combustibili fossili) e inquinamento atmosferico da tenere in considerazione….
  • Tutte le caldaie elettriche o solari collegate a radiatori ad acqua calda (ad es. radiatori idronici in ghisa) o al riscaldamento a pavimento ad acqua calda.
  • Riscaldamento con stufa a pellet di legno che irradia direttamente nella stanza. A differenza delle stufe a legna tradizionali, non è necessario aprire l’apparecchio per ricaricare i ceppi durante la combustione. Inoltre, è meno probabile che l’aria ambiente sia contaminata da particelle fini carboniose. Fate attenzione, però, alla sua manutenzione per evitare perdite. Attenzione anche allo smaltimento delle ceneri che, durante la manipolazione, provoca un inquinamento atmosferico di lunga durata (alte concentrazioni di rame e manganese secondo lo studio di ricercatori italiani condotto nel 2018 e presentato sulla rivista Chemosphere «Influence of advanced wood-fired appliances for residential heating on indoor air quality«.
Riscaldamento con stufa a pellet di legno che irradia direttamente nella stanza

File esperto: Perché e come aumentare la temperatura percepita in una stanza riscaldata?

Scegliere un metodo di riscaldamento che non secchi l’aria della stanza

I sistemi di riscaldamento che si basano sull’aria forzata (tramite ventilatori) asciugano l’aria della stanza.

Manutenzione regolare del riscaldamento per limitare l’inquinamento atmosferico

I camini, con o senza inserti, devono essere spazzati una o due volte l’anno per garantire un buon tiraggio per eliminare i fumi.

Per i radiatori radianti elettrici non è prevista alcuna manutenzione speciale.

Per il riscaldamento radiante con caldaie a combustione (legna, gas, gasolio) o a pellet, la manutenzione (consigliata due volte l’anno) deve essere effettuata da un professionista sulla caldaia, sugli scarichi dei gas e sugli emettitori di calore (radiatori). Questi gas, anche in piccole dosi, sono tossici per gli occupanti.

Ulteriori informazioni su riscaldamento e qualità dell’aria

File esperto: Quali sono le caratteristiche del radiatore ideale?

Come scegliere un radiatore a infrarossi: I migliori radiatori a infrarossi

File esperto: Come misurare la qualità dell’aria interna?

File esperto: Come filtrare efficacemente l’aria interna?

File esperto: Come limitare l’inquinamento dell’aria interna?

Scoprite le ultime innovazioni delle aziende leader nel settore del riscaldamento elettrico

degxel
ThermoZYKLUS
chauffage thermor

IT-FOX89

Résumé
Che tipo di riscaldamento si deve usare in caso di malattie (o difficoltà) respiratorie?
Titre de l'article
Che tipo di riscaldamento si deve usare in caso di malattie (o difficoltà) respiratorie?
Description
Riscaldamento a legna in casa tramite camino aperto, inserto o stufa a legna: impatti sulla salute. Il riscaldamento elettrico dovrebbe essere vietato alle persone con problemi respiratori? Riscaldamento radiante o a infrarossi: preferibile per le persone con difficoltà respiratorie. Scegliere un metodo di riscaldamento che non secchi l'aria della stanza. Manutenzione regolare del riscaldamento per ridurre l'inquinamento atmosferico.
Auteur
Foxof
Foxof
Meilleures innovations pour l’habitat